Al termine del Festival Le Vie dei Tesori ci sentiamo sempre in bilico tra un sospiro di sollievo e un senso di forte nostalgia.
 
Non è facile lasciarsi alle spalle un mese di intensa attività, dove la Cultura fa da padrona e ci permette di stare a contatto con le persone diffondendo la conoscenza delle bellezze della nostra città, Acireale.
 
Anche quest'anno, il terzo di fila, ci siamo ritrovati nelle vesti di organizzatori per la città di Acireale aprendo ben 10 luoghi e organizzando 17 esperienze: un record che ci permette di evidenziare quanto il festival stia pian piano crescendo di anno in anno!
 
Se questo è stato possibile, però, al di là della nostra tenacia, è stato anche grazie a coloro che ci hanno sostenuti credendo in noi e nel festival.
 
Il primo ringraziamento va, quindi, a tutti coloro che hanno permesso lo svolgimento e la riuscita di questo festival: allo staff de Le Vie dei Tesori; alla responsabile di Catania Alessandra Fabretti; agli enti pubblici quali la Diocesi di Acireale e al Comune Città di Acireale (con il supporto dell'assessore Di Mauro e del sindaco Roberto Barbagallo); al Direttore del parco archeologico di Catania, dottor Giuseppe D'Urso e alla dottoressa Falco per l'apertura del sito archeologico di Santa Venera al Pozzo e a tutti coloro che hanno permesso l'apertura dei siti, quali la Biblioteca e Pinacoteca Zelantea (dottoressa Gravagno), il Monumentale Presepe napoletano e il Museo del tesoro di San Sebastiano (con particolari ringraziamenti al dott. Fabio Francesco Grippaldi), il Museo del Carnevale di Acireale (un ringraziamento va alla Fondazione del Carnevale e al presidente Nando Ardita), la chiesa di San Benedetto, la chiesa di Santa Maria dell'Itria, la chiesa di Santa Maria Maddalena, la Chiesa di San Raffaele, la chiesa di San Francesco di Paola e il seminario vescovile. Anche in questo caso il supporto di sacerdoti, suore e responsabili è stato prezioso e fondamentale.
 
 
 
È ancora doveroso da parte nostra ringraziare i privati che ci hanno accompagnato in questa avventura: i proprietari del Palazzo Martino Fiorini, del Raciti Palace e del Palazzo D'Amico Acireale, il maestro della cartapesta Alberto Siracusa, i ragazzi della vicina Aci San Filippo che hanno curato le visite guidate presso la Basilica di San Filippo Museo Verticale d'Arte Sacra "Benedetto XVI", il dottor Nino Graziano Luca e i danzatori della Compagnia Nazionale di Danza Storica, il maestro pasticcere Franco Patané di Riso Paradiso, i fratelli Leotta e gli artigiani del laboratorio Le Panier Bags, Mara Amato che ha curato uno splendido viaggio in barca lungo la Riviera ionica fra storia, miti e natura, il violinista Sebastiano Battiato, Agata Mammino e Clara Russo di Bio Boutique che tra miele e cosmesi hanno arricchito una meravigliosa mattinata presso il sito archeologico di Santa Venera al Pozzo, Roberta Normanno Illustrator e Alessio di Meraviglia Studio che tra musica, colori e fotografie hanno accolto i visitatori nel loro centro culturale, lo staff di Batia dell'arcangelo Gabriele e il maestro di Yoga giapponese Sebastiano Longo e la palestra Scandura Fitness "Nati per Muoverci".
 
 
 
 
 
 
Ma ci è doveroso ringraziare soprattutto coloro che hanno permesso che tutta la macchina potesse mettersi in moto. E allora un grazie ai membri del nostro STAFF, alle tirocinanti dell'Università degli studi di Catania e ai ragazzi dell'alternanza scuola-lavoro del Liceo Gulli e Pennisi, che, attraverso la collaborazione e il supporto della Fondazione Città del Fanciullo e, in particolare, della dott.ssa Marina Scandura, hanno contribuito donandoci il massimo del loro impegno per la buona riuscita del festival.
 
Infine un grandissimo grazie va a tutti i visitatori che nel corso dei weekend hanno accolto positivamente la nostra iniziativa visitando i numerosi luoghi e partecipando attivamente alle esperienze inserite nel circuito. I sorrisi e i complimenti ricevuti in queste settimane non fanno altro che entusiasmarci e spronarci a fare sempre meglio per garantire una valorizzazione della nostra città a 360°.
 
Siamo, dunque, molto fieri ed orgogliosi di quel che abbiamo realizzato quest'anno, con la speranza di continuare a realizzare altrettante straordinarie esperienze nelle iniziative future.
Certi che continuerete a seguirci anche nelle prossime avventure, infinite grazie per tutto!
 
 
 
216