Set 27

Per il secondo anno consecutivo la città di Acireale si prepara ad ospitare il festival de “Le Vie dei Tesori”, manifestazione giunta ormai alla sua XVI edizione, che si occupa di promuovere e valorizzare il patrimonio culturale e paesaggistico della nostra regione. Dal prossimo 1 ottobre e per tutti i weekend dell’intero mese sarà possibile visitare alcuni luoghi meno conosciuti della città e partecipare attivamente ad esperienze di vario genere adatte ad adulti e bambini. 

Ancora una volta noi dell’Associazione Culturale Stoà Sicula ci siamo occupati dell’organizzazione dell’evento: è stato un grande piacere aver lavorato per far in modo che la nostra città possa mettere a disposizione del pubblico alcuni dei suoi piccoli tesori nascosti. 

Quest’anno ci saranno tante novità: nuovi siti da visitare e diverse esperienze uniche nel loro genere pronte ad essere vissute in nostra compagnia. Tutto ciò è inserito nel ricco programma culturale di questa nuova edizione del festival, che qui vi proponiamo. 

Non ci resta, dunque, che augurarvi buon festival e darvi appuntamento presso i nostri siti.

 

PRENOTA QUI LA TUA VISITA

 

LUOGHI

 

  1. Biblioteca e Pinacoteca Zelantea

    Una camera delle meraviglie tra incunaboli e dipinti 

 

La Biblioteca Zelantea, tra le più antiche fondate in Sicilia, custodisce al suo interno oltre 250.000 tra volumi, incunaboli, manoscritti, edizioni rare e di pregio. Nella pinacoteca, opere del Domenichino,del Guercino, della scuola del Ragonisi; un busto di Cesare, rinvenuto negli scavi di Capo Mulini, una collezione di reperti dal sito di Santa Venera al Pozzo e la maestosa carrozza del Senato acese.

Indirizzo: Via Marchese di Sangiuliano, 17 - Acireale CT
(https://goo.gl/maps/iDSng4FBuhwXBgWr5)

Giorni apertura: sab. ore 10.00/13.00 e 16.00/19.00

Durata visita: 30 minuti

 

 

  1. Chiesa di San Benedetto

Un piccolo tesoro nascosto dalle finiture dorate 

 

La chiesa era originariamente dedicata alla Madonna delle Grazie. Vicino pare sorgesse una edicola in onore di Sant’Agata, le cui reliquie giunseronel 1126 da Costantinopoli a Catania. La chiesa deve l’aspetto attuale alla ristrutturazione del XVIII secolo, dopo il terremoto del 1693. Il prestigio dell’ordine benedettino si scopre nelle rifiniture in oro sulle pareti e nel soffitto a volta.

Indirizzo: Via Davì, 29 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/tFocr2u4e6vBH2Gu9)

Giorni apertura: dom. ore 10.00/13.00 e 16.00/18.30

Durata visita: 30 minuti

 

 

  1. Chiesa di San Francesco di Paola

La chiesa "ca n'appoia" (che non confina) con nulla.

 

La Chiesa di San Francesco di Paola,  che risale al XVI secolo e fu ricostruita dopo il terremoto del ‘700, è una delle più antiche dedicate al culto del santo in Sicilia. Costruita anche grazie al lavoro forzato dei carcerati, ha mantenuto all'interno il suo elegante stile barocco. Di pregevole fattura l'antica statua del Santo e l'organo settecentesco.

Indirizzo: Via Sfilio, 7 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/eNRMRFrr848rCL7U7)

Giorni apertura: dom. 2, 9 e 16 ottobre ore10.00/13.00 e 16.00/19.00

Durata visita: 20 minuti

 

  1. Chiesa di Sant’Antonio di Padova

Uno degli edifici sacri più antichi della città 

 

La chiesa più antica della città e prima sede di culto del compatrono, San Sebastiano. Gli affreschi del pittore acese, Paolo Vasta, rappresentano l'ultima fase creativa dell'artista la cui sepoltura è avvolta nel mistero. La visita si concluderà con una bellissima vista: si salirà sul campanile dove sarà anche possibile suonare le campane.

Indirizzo: Via Vittorio Emanuele II, 144 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/SaaX4VyoHtqZpyxz6)

Giorni apertura: sab. ore 10.00/13.00 e 16.00/19.00

Durata visita: 20 minuti

 

 

  1. Chiesa di Santa Maria Maddalena

    L'austera chiesa a lume di candela

 

Costruita alla fine del XVII secolo e ristrutturata in seguito, la Chiesa ha mantenuto un aspetto veramente austero. Pur avendo subito spoliazioni, preserva i caratteristici colatoi nella cripta destinata alle sepolture. La racconteranno le fotografie esposte. Le visite del tardo pomeriggio saranno alla luce delle candele.

Indirizzo: Via Vittorio Emanuele II, 90 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/ixsBxjWovLUTEhPC8)

Giorni apertura: dom. 23 e 30 ottobre ore 10.00/13.00 e 16.00/19.00

 Durata visita: 15 minuti

 

 

  1. Monumentale Presepe Napoletano

La natività partenopea nella cripta di S. Sebastiano

 

L’imponente presepe in stile napoletano è esposto all'interno della cripta della Basilica di San Sebastiano. È il più grande a sud di Napoli grazie alle sue centocinquanta figure, realizzate dalla bottega Ferrigno di San Gregorio Armeno che ha riprodotto scorci delle rovine pompeiane e della città settecentesca, i campo dei pastori e l’osteria, tra sacro e profano.

Indirizzo: Piazza Leonardo Vigo, 22 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/yp5crcqLzu1piGFc9)

Giorni apertura: sab. e dom. ore 10.00/13.00 e 16.00/19.00

Durata visita: 20 minuti

 

 

  1. Museo del Carnevale

    Tra cartapesta e bozzetti

 

Il Museo custodisce al suo interno la tradizione delle maestranze artigiane acesi dedite alla produzione dei carri del più bel Carnevale di Sicilia, famoso in tutto il mondo. Oltre ai carri in  miniatura sono esposti pezzi pregiati provenienti dalle donazioni dei discendenti dei grandi Maestri, in particolare il Rosone della Cattedrale acese, realizzato da Rosario Lizio, e il dettaglio di Palazzo Musmeci, opera di Natale Longo.

Indirizzo: Via Ruggero Settimo, 5 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/bonY6fcndWqQcSCf7)

Giorni apertura: sab. e dom. ore 10.00/13.00 e 16.00/19.00

Durata visita: 20 minuti

 

ESPERIENZE

 1.Alla scoperta del museo del vino e orto sensoriale 

 

Nell’ex convento Batia dell’Arcangelo Gabriele, oggi azienda agricola, la passeggiata parte dal palmento e dalla cantina del 1887, intatti nel tempo. Seguirà una passeggiata in azienda che condurrà all'orto sensoriale, tra colori e odori delle piante aromatiche autoctone. Qui si gusterà la spremuta del melograno appena raccolto.

Indirizzo: Via Torretta, 90 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/QzmAyu6gfgaprTWJ8)

Giorni apertura: dom. 9 e 23 ottobre ore 17.00

Durata visita: 90 minuti

 

 

2.A scuola dalla maestra della cartapesta

 

L’antica storia carnascialesca, documentata ad Acireale dalla fine del XVII secolo, sarà raccontata da Laura Laudani, maestra della cartapesta: verranno svelate tecniche, materiali e abilità creative di quest’arte tradizionale. Si assisterà, poi, a una dimostrazione del processo creativo prima di mettere in prima persona le mani in pasta per creare un piccolo ricordo in cartapesta.

Indirizzo: Via Ruggero Settimo, 5 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/bonY6fcndWqQcSCf7)

Giorni apertura: sab. 15 ottobre ore 17.00

Durata visita: 1 ora

 

3.Cultura in movimento. Mens sana in corpore sano

 

 

Un percorso sportivo-culturale che si snoda dal centro urbano fino alla Fortezza del Tocco all'interno del sentiero delle Chiazzette accompagnato dall'istruttrice Francesca Russo della Scandura Fitness. Sport e cultura, un binomio che porterà alla scoperta di antichi quartieri e curiosità del posto prendendosi contemporaneamente cura del proprio benessere fisico. 

NOTE: Appuntamento in Piazza Duomo, area antistante il Palazzo municipale.

Indirizzo: Piazza Duomo - Acireale CT (https://goo.gl/maps/i88ddQ3UgBiAfX2T8)

Giorni apertura: dom. 16 ottobre ore 10.30

Durata visita: 2 ore

 

 

4.Le camere delle meraviglie di palazzo Martino Fiorini

 

 

Un viaggio a ritroso nel tempo attraverso la storia della nobile famiglia Fiorini: le stanze private e di rappresentanza sono rimaste inalterate e adorne di affreschi e antichi cimeli di famiglia e si visiteranno immergendosi nel tempo che fu, raggiungendo poi la terrazza che domina tetti e campanili del centro storico acese. Rinfresco nell'antica cucina.

Indirizzo: Via San Carlo, 11 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/mxqN8pLpaSvtZ5Aa8)

Giorni apertura: dom. 2, 9 ore 16.00 e 17.30 | dom. 16 e 23 ore 9.30 e 11.00

Durata visita: 1 ora

 

5. L’officina del vasaio. Laboratorio per giovani artigiani

 

 

Un laboratorio per bambini e ragazzi: gli archeologi di Stoà Sicula insegneranno a modellare l'argilla secondo le antiche tecniche di produzione, adoperate sin dalla Preistoria. Il laboratorio si terrà nei locali della Biblioteca dei Ragazzi Maria Grazia Cutuli, al’’interno della Villa Belvedere. Al termine i ragazzi potranno portare a casa il vaso prodotto.

Indirizzo: Villa Belvedere, Piazza Indirizzo - Acireale CT (https://goo.gl/maps/ncin8sj4SSKGt6hk6)

Giorni apertura: dom. 23 ore 11.00

Durata visita: 90 minuti

 

6. Sapori al tramonto tra l’Etna e il mare

 

 

Uno spettacolo unico di sapori e colori grazie alla degustazione di prodotti tipici locali, di produzione biologica e DOP. Ma lo spettacolo sarà soprattutto legato al sito dove avviene l’esperienza: la terrazza panoramica del Raciti Palace, palazzo storico dei primi del Novecento incastonato tra Etna e Mare. Prevista anche la visita alle stanze di rappresentanza.

Indirizzo: Via Galatea, 142 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/esQz1Y8AFv3Gy4Dw7)

Giorni apertura: sab. 1 e 8 ottobre | dom. 16, 23 e 30 ottobre ore 17.30

Durata visita: 1 ora

 

7. Sulle tracce dei nevaroli

 

 

Franco Patanè, maestro gelataio di Riso Paradiso, aprirà le porte del suo laboratorio per raccontare e mostrare il processo di produzione della granita secondo l'antica tradizione siciliana. Dai nevaroli che realizzavano gelati e sorbetti molto apprezzati tra ‘700 e ‘800, ad oggi: una delle eccellenze del
territorio. Non mancherà un assaggio di granita.

Indirizzo: Via Musmeci, 20 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/vKX3NG69po5SZcGR8)

Giorni apertura: sab. 15, 22 e 29 ottobre ore 11.00

Durata visita: 45 minuti

 

8. Batia sotto le stelle: alla scoperta del cielo ottobrino

 

Un sogno sotto un cielo stellato. Nell’ex convento Batia dell’Arcangelo Gabriele, oggi azienda agricola, dopo aver vistato il palmento, con Andrea Orlando dell'istituto di Archeoastronomia siciliana, si osserveranno stelle e costellazioni dal tondo del belvedere, una grande terrazza perfettamente rotonda di fi ne ‘800 a terrazzamenti circolari con pareti in pietra lavica.

Indirizzo: Via Torretta, 90 - Acireale CT (https://goo.gl/maps/QzmAyu6gfgaprTWJ8)

Giorni apertura: dom. 9 ore 19.00

Durata visita: 90 minuti

 

 

9. Un violino moderno tra mura antiche

La basilica di San Pietro e Paolo, dopo una breve descrizione storica, si riempirà delle note di Sebastiano Battiato, tra classica e moderna, violinista che ha suonato con varie orchestre siciliane, ha collaborato con la Filarmonica nissena per una tournée in Cina e ha accompagnato cantanti come Il Volo, Andrea Bocelli, Franco Battiato, Vincenzo Spampinato e Morgan. 

 Indirizzo: Basilica di San Pietro e Paolo, Piazza Duomo - Acireale CT
(https://goo.gl/maps/BL3gYpr6CHUhbn5d6)

Giorni apertura: sab. 22 ottobre ore 19.00

Durata visita: 1 ora

 

 MAPPA DEI LUOGHI E DELLE ESPERIENZE

 

Ago 08

Acireale. Cosa visitare?
I palazzi storici

Sebbene Acireale non vanti l’alto numero di palazzi storici visitabili alla pari di città più grandi quali Catania, alcuni di questi vi lasceranno indubbiamente a bocca aperta, così come è successo a tanti visitatori rimasti estasiati dalla bellezza pittorica ed architettonica degli stessi.

 

  • PALAZZO MARTINO FIORINI - Via San Carlo, 11: situato nelle vicinanze del centro storico il palazzo è oggi ricostruito e restaurato secondo i canoni ottocenteschi. In questo edificio molti furono gli ospiti illustri che vi soggiornarono. Il nome del palazzo deriva dal suo fondatore, il cav. Martino Fiorini Calì costa che fu proprietario di vigneti e produttore di vino, oltre ad essere stato sindaco della città dal 1893 al 1895. A collegare il pian terreno al piano visitabile vi è una meravigliosa scala in ferro battuto con dei bellissimi affreschi nello stile pompeiano. Le stanze alle quali si accede sono poi un tripudio di colori e di bellezza che lascerà a bocca aperta il visitatore: tra decorazioni e quadri artistici e i numerosissimi corredi familiari, avrete la possibilità di ripercorrere le origini della famiglia e della loro vita quotidiana. Un’esperienza autentica e sicuramente strabiliante!



 

  • RACITI PALACE - Via Galatea, 142: restaurato ed acquisito di recente dalla famiglia Raciti da cui prende l’attuale nome era anticamente proprietà della famiglia Pennisi di Badalà. Il palazzo è un edificio storico di fine 1800, collocato tra la zona nobiliare e centrale di Acireale e la zona popolare della stessa. Nelle sale si conservano ancora gli antichi affreschi: fra questi alcuni sono particolarmente interessanti per la storia che ci raccontano, orientata tra il richiamo al mito e coloro che vi dimorarono nella metà del secolo scorso. Oltre ai soffitti, si preserva alla perfezione anche il pavimento originario in cotto siciliano. Non di minor importanza, infine, la bellissima terrazza dalla quale si può osservare uno dei paesaggi più belli della Sicilia, lambiti tra l’Etna, il mare e il centro storico acese.




Ago 08

Il Barocco di Acireale

Barocco acese o tardo Barocco?

La seconda definizione, che spesso viene attribuita allo stile architettonico e anche pittorico degli edifici della città, è dovuta ad un evento noto a tutti i Siciliani della costa orientale: il terribile terremoto del 1693 che colpì tutto il Val di Noto.

La ricostruzione settecentesca non seguì uno stile unico e predefinito, un po’ come accadde a Noto: ecco perché ad Acireale si mescolano linguaggi (Barocco e Neoclassico in particolare), ma anche colori (pietra lavica etnea e pietra bianca proveniente da Siracusa).

I protagonisti della ricostruzione

Nel corso del Settecento si sono distinti l’architetto Paolo Amico e il pittore Pietro Paolo Vasta, che diede vita ad una vera e propria scuola di allievi che seguirono le sue orme. L’Ottocento vedrà, invece, l’opera di tre architetti, Mariano Panebianco, Mariano Falcini e Stefano Ittar (quest’ultimo rinomato anche per la città di Catania).

Le caratteristiche

Alle forme più sobrie ed eleganti, frutto dell'avanzata dello stile neoclassico, si affianca la sontuosità barocca con motivi più dinamici, forme concave e convesse, timpani spezzati, un tripudio di festoni, spirali, girali, arabeschi e mascheroni dal valore apotropaico.

Alcuni esempi

Tra le chiese vi sono:

  • la Cattedrale: affreschi e tele di Grasso e Sciuti, di Vasta e i suoi allievi e dei fratelli Filocamo e altri pittori acesi;
  • la Basilica dei santi Pietro e Paolo: timpani spezzati. Tele del Platania, di Ragonisi e Vasta; 
  • la Basilica collegiata di San Sebastiano: mascheroni, ghirlande e putti in facciata. Affreschi e tele del Vasta e i suoi allievi, del Costanzo e Ragonisi e altri pittori acesi;
  • Chiesa degli Agonizzanti: mascheroni, ghirlande e putti in facciata;
  • la Chiesa di santa Maria del Suffragio: affreschi interni del Vasta;
  • la Chiesa di Santa Maria delle Grazie (San Camillo): affreschi interni del Vasta;

Tra i palazzi:

  • Palazzo del Municipio: mascheroni sulla facciata;
  • Palazzo Modò (ex Teatro Eldorado): mascheroni lungo l'arco di ingresso e i balconi
Lug 29

Acireale. Dove mangiare?

Cucina tipica siciliana? 

Dalle portate da ristorante alla pizza fino alla nostra granita, diversa da tutte le altre! Ecco dove mangiare i piatti più caratteristici della nostra città.

Ristoranti

  • Ristorante trattoria Vico Proiette
  • Trattoria U Puttusu
  • All’Antica Osteria
  • La Nassa
  • Il Tino (🚗)

Ristoranti di sushi

  • Chevere. Sushi & Poke
  • Bellavista 
  • ROBATA
  • Magatama 
  • Chan Sushi  (🚗)
  • Prima Stella Sushi & Fusion  (🚗)

Pizzerie

  • Times food
  • Vecchia Aci
  • Pizzeria Gallo
  • Al Ficodindia
  • Bellavista
  • Frumento
  • Fuoco
  • Flora Café (🚗)
  • Acquadelferro (🚗)
  • Il Tocco (🚗)
  • Le cantine di Loreto (🚗)

Aperitivi

  • Bar Kennedy
  • Casa e Putia
  • Moro
  • Laviko
  • Le Caveau
  • Caffé Chamarel
  • Caffeina Lab
  • Disiu

Bar 

  • Flora Café (🚗)
  • Bar Kennedy
  • Re Dolce Freddo
  • Laviko
  • Bar Eldorado
  • Love Bakery & café
  • Moro
  • Al Duomo
  • Bar Cipriani

Pub

  • Bla Bla
  • Etimué
  • Casa e Putia
  • Le Caveau
  • Caffeina Lab
  • La Caverna del Mastro Birraio (🚗)

 

🚗 da raggiungere in auto

Lug 28

Acireale, cosa visitare.

I musei acesi

I musei di Acireale raccontano le tradizioni della Sicilia ed, ovviamente, della città.

  • PINACOTECA ZELANTEA - Via Marchese di Sangiuliano, 48: al fianco della biblioteca, la pinacoteca ospita un vero e proprio museo al cui interno sono custodite opere pittoriche dal grandissimo valore artistico, una carrozza settecentesca del senato acese, dei reperti archeologici greco-romani, un busto di Cesare e il gruppo in gesso originale che raffigura Aci e Galatea, opera di Rosario Anastasi.

 

 

  • MUSEO DEL CARNEVALE - Via Ruggero Settimo, 5: di recente inaugurazione (2019) esso racconta la lunga tradizione carnevalesca della cittadina che si fregia del titolo del “più bel Carnevale di Sicilia”. Al suo interno sono custodite pregevoli opere quali: il rosone della Cattedrale, pezzi artistici, mascheroni, calchi in gesso, bozzetti e carri in miniatura.

 

  • MUSEO OPERA DEI PUPI - Via Alessi, 5: è il più antico della città. Custodisce i famosi pupi, di dimensioni e foggia ben diverse da quelli della scuola palermitana e catanese, e le originali attrezzature teatrali. Il museo comunica alla perfezione la tradizione e la cultura popolare che si affermò nel secolo precedente e che oggi, sfortunatamente, sta lentamente svanendo.

 

 

  • MUSEO DELLA BASILICA DI SAN SEBASTIANO - Piazza Leonardi Vigo: il museo ecclesiastico di arte sacra rappresenta un emozionante omaggio legato al compatrono della città che ha un culto antichissimo. Al suo interno si trovano meravigliose opere di manifattura siciliana: gli ex voto, i gioielli, i preziosissimi ostensori e delle pregevoli tele artistiche. 

 

  • MUSEO DELLE UNIFORMI - Via Ruggero Settimo, 20: all’interno del Palazzo Municipale è ospitato questo piccolo museo che, tramite le sue vetrine, esalta la storia e le nazioni di provenienza dei capi custoditi (databili tra il 1796 e il 1928). La collezione, appartenente all’ingegnere Aldo Scaccianoce, fu poi acquistata dalla regione siciliana. Ne fanno parte alcuni esemplari notevoli: un elmo della guardia dello zar Nicola II (il padre della famosa Anastasia) e una divisa di Francesco Giuseppe (il marito di Sissi).
    Alcuni sono addirittura pezzi unici in Italia!
Pagina 1 di 7